(+39)334.83.59.900 - 010.79.67.035

ci presentiamo

Il team Jaa-Nù

al completo //

cecilia del team Jaa Nu genova

Cecilia

31 anni – “l’avvocato Picagetta”

 

Anima organizzativa e chiacchierona di Jaa Nù, Cecilia è cresciuta come piccola militante impegnata: la sua tesina di quinta elementare parlava dei bambini nelle favelas di Rio, i suoi coetanei la chiamavano l’avvocato Picagetta. Ama tutto ciò che è attualità, storia e politica, e la cucina è arrivata proprio da lì, dalle cose che si toccano con mano, dalla territorialità e dalle scelte di consumo. Per Cecilia il modo più efficace di farla, la politica, è impegnarsi nel proprio piccolo.

Ha iniziato a lavorare a 17 anni facendo un sacco di lavori bizzarri, come dice lei, e ora insegna yoga nel suo centro, Casa Om insieme a Marta. Va matta per gli animali, ha un cane, Fiona, e un gatto, Lucifero. Vivrebbe nel verde – possibilmente in posti molto freddi e molto a nord – odia il mare, l’estate, le folle. Ama i posti piccoli e andare a dormire presto,
addormentandosi con un libro. È pigra e vuole stare comoda, non ama i sacchi a pelo e non li amava nemmeno da ragazzina, ma ora si definisce proprio una vecchia signora.

Riesce a essere super organizzata ma ad andare a braccio; tutt’altro che timida, dicono dei lei che “tiene ricevimenti” e sia un rassicurante orecchio di confidente. 

Gli amici per lei sono qualcosa di cui prendersi cura costantemente con parole, fatti e vicinanza.

Fun fact: è una nerd della Regina d’Inghilterra e della dinastia Windsor. Datele un giardino inglese, degli scones e un mercatino dell’antiquariato e sarà vostra.
Per lei Jaa Nù è il luogo dove non si smette di divertirsi anche se si lavora, il punto d’incontro di ciò in cui crede. Se dovesse scegliere un piatto di Jaa Nù del cuore, sarebbe una spadellata di pancakes.

Marta dice di lei…

Ha il fare da dura un po’ sopra le righe ma possiamo svelare che sotto sotto non lo è così tanto: aiuta a trovare la determinazione nelle persone e sì, vorrebbe salvare tutti.

elisa dice di lei…

Che dire, ha la cazzimma. È determinata e ti ispira a esserlo anche tu.

Marta

31 anni – la disordinata gentilezza

 

Nota pacata e rassicurante di Jaa Nù, Marta insegna yoga con Cecilia a Casa Om ed è innamorata dell’India: da quando ci ha fatto un viaggio ha fatto pace con la spiritualità e con gli autobus troppo pieni.

Adora la cucina indiana e asiatica, il piatto che ama di più preparare è il Pad Thai e a domanda risponde ‘lo faccio solo io così buono’.

Laureata in architettura, ha fatto anche lei mille lavori diversi – tra cui guidare i risciò e fare la guida gastronomica! – e ha iniziato a praticare yoga. Ora ne è insegnante e massaggiatrice.

Dice di aver difficoltà a lasciarsi andare ma che ha trovato il modo di farlo: con tutto ciò che è fricchettonesimo. Sta leggendo Shantaram e vive con i suoi due coinquilini over 30 in un super disordine, ospitando chiunque ne abbia bisogno. 

 

Marta del team Jaa Nu genova

Ha avuto un guilty pleasure: il dance hall, esuberante danza jamaicana! Ora ha smesso, è difficilmente compatibile con lo yoga, dice. Da Jaa Nù si occupa della cucina – ovviamente – e accoglie al bancone con tutta la sua disordinata gentilezza…

Per lei Jaa Nù è qualcosa di rassicurante, qualcosa che ti aspetti ma sorprende. Non è solo una gastronomia ma una vera e propria realtà di quartiere, viva e fluida. Se dovesse scegliere un piatto del cuore di Jaa Nù sarebbe(ro) gli smoothie e le creme spalmabili di frutta secca.

Cecilia dice di lei…

Se non le è ancora venuto un infarto a lavorare con me è highlander, ha una pazienza sterminata e livelli di tolleranza da competizione, è precisissima sul lavoro.

elisa dice di lei…

Che dire, ha la cazzimma. È determinata e ti ispira a esserlo anche tu.

eliSA del team Jaa Nu genova

Elisa

33 anni – la vintage cuoca

 

Anima impastatrice e materna di Jaa Nù, ha sempre vissuto nell’artigianato: è stata concepita in un forno! Suo padre ne gestiva uno a Sampierdarema e si sa, una pagnotta tira l’altra… Da bambina Elisa giocava con le palline di impasto e sino a 5 anni veniva messa a dormire nelle scatole vuote di farina.

Più tardi ha iniziato l’università ma ragioni familiari l’hanno riportata in un forno, a lavorare insieme a sua sorella: la persona che mi ha fatto più ramanzine di tutti ma da cui ho imparato di più.

Dopo 10 anni ha iniziato a lavorare in una gastronomia vegana e da lì si è aperto il mond plant-based. Dentro di lei scorrono farina e Camatti, i suoi amici la definiscono la mamma vintage perché ha sempre cucinato per tutti stando attenta a intolleranze e preferenze varie.
Dopo una vacanza, in un giugno post-pandemia, Cecilia le ha chiesto di imbarcarsi nella gestione di Jaa Nù: ha fatto finta di pensarci ma aveva già deciso.

Adora tutto ciò che è vecchio, le dicono che sia nata nel periodo sbagliato, come se fosse di un’altra epoca.

 

Ama fare trekking, camminare nel verde con la sua cagnolina Salsa – come quella di pomodoro! – stare con la sua gatta Bietola e con la sua tartaruga Tafferuglio. È appassionata di musica, dice che la maggior parte dei cantanti che ascolta sia morta o non suoni più. Va matta per il cantautorato italiano, in particolare per gli Zen Circus, e si rivede molto nei loro testi. Ha un piccolo Scudo camperizzato e il suo sogno è girarci l’Europa.

Per lei Jaa Nù è un punto di riferimento per il quartiere, un porto sicuro, una culla gentile e coccolosa. Il suo cibo del cuore da Jaa Nù, manco a dirlo, è la pasta (e il pane) rigorosamente fatta a mano.

 

Marta dice di lei…

Quando ho visto Elisa ho capito che fosse una persona che ti fa prendere bene, parla velocissima e
sparge entusiasmo.

cecilia dice di lei…

Elisa è super affidabile: è una macchina da guerra brava come il pane, con lei intorno stai sicura che
ti diverti.

Scopri di più

La nostra cucina